se vuoi cambiare ti occorre forza…

e la conoscenza della disciplina che la controlla…    Io amo l’idea di uno yoga semplice ma praticato con attenzione e ascolto: senza contrazioni. L’atmosfera deve restare delicata! Il corpo è il terreno di gioco che permette di apprendere cose nuove di trovare sensazioni di libertà, pace, consapevolezza… In breve, è l’occasione per ciascuno di riscoprire la sua vera natura. … Continua a leggere

101 Storie Zen: 34. Un solo sorriso in tutta la vita

Sino all’ultimo giorno che Mokugen passò su questa terra, nessuno aveva mai saputo che sapesse sorridere. Quando sonò la sua ora, egli disse ai suoi discepoli: «Tutti voi studiate con me da più di dieci anni. Mostratemi la vera interpretazione dello Zen. Chi riuscirà ad esprimersi più chiaramente, sarà il mio successore e riceverà la mia veste e la mia … Continua a leggere

Skandha: gli elementi fisici e mentali…

Nel buddhismo si parla di cinque Skandha , o aggregati, per indicare gli elementi fisici e mentali che si combinano ad ogni istante per dar vita a tutti i fenomeni dell’universo. I cinque Skandha si combinano l’un l’altro e producono la vita che sperimentiamo. Sono fattori impermanenti e privi di soggettività. (continua a leggere) ***  Articoli correlati: il Buddhismo indiano,La … Continua a leggere

Scheda Tecnica n.26

  Adeguare noi stessi:l’intensità del nostro sforzo… attraverso l’utilizzo dei supporti Cosa cercate nello Yoga: centratura, concentrazione, consapevolezza? Flessibilità? Poter fare una bella sudata? Se cercate: flessibilità, dinamicità o fare una bella sudata, non leggete questa scheda non troverete i consigli adatti a tali motivazioni in quanto non sono la meta dello Yoga in Ascolto. (continua a leggere) *** Articoli correlati: Scheda … Continua a leggere

Patanjali – Yoga Sutra, Aforisma 3.34

Aforisma– 3.34 – Hrdaye chittasamvit Si ha la consapevolezza del “completo sapere” nell’essenza segreta del cuore della mente. Patanjali, Yoga Sutra, Terzo Libro Vibhuti Pada,  La Via della realizzazione *** N.B.: Questa interpretazione è personale e NON vuole essere né una traduzione né un commento, in quanto non sono una specialista in sanscrito, si tratta di una tappa lungo il mio cammino … Continua a leggere

Il rapporto con il Maestro…

come dovrebbe essere vissuto E’ possibile una relazione con il Maestro senza gli occhi della fede nel Maestro? Mi rendo conto che per un occidentale parlare di “fede al Maestro” è difficile …ma che lo si accetti o meno,  per la mia esperienza, non è possibile prescindere da questo aspetto della pratica!… Spetta al Maestro mostrare all’allievo che lo stato dello Yoga … Continua a leggere

Patanjali – Yoga Sutra, Aforisma 3.25

Aforisma 3.25 – Pravrttyalokanyasat suksmavyavahitaviprakrstajnanam Orientando questa luce su ciò che è sottile, non visibile ad occhio nudo, fuori dall’abitudine, la radianza “del fatto di apparire” interrompe la separazione dalla conoscenza-profonda. Patanjali, Yoga Sutra, Terzo libro Vibhuti Pada – La Via della realizzazione *** N.B.: Questa interpretazione è personale e NON vuole essere né una traduzione né un commento, in quanto … Continua a leggere