Il ruolo di Shavāsana all’interno di una sequenza di āsana: l’incontro con la consapevolezza

Il ruolo di Shavāsana all’interno di una sequenza di āsana non è solo quello  di un collegamento  per facilitare una transizione tra una postura e un’altra o per un profondo equilibrio delle tonalità praniche Ha (solare) e Tha (lunare). si tratta di intervenire sul sottile, si coltiva e si fa esperienza dell’ascolto profondo:  vero senso della pratica delle āsana. Shavāsana … Continua a leggere

Il legame fra Prāṇāyāma e Cakra:una pratica speciale…

La nostra relazione con la disciplina del Prāṇāyāma deve essere una pratica di base sia quando questa è a supporto delle nostre esigenze quotidiane sia quando è il ponte che ci mette  in reale contatto con il nostro spazio interiore per la pratica della meditazione. E come in ogni rapporto dobbiamo creare le condizioni per permettergli di crescere e svilupparsi. … Continua a leggere

Lentezza e sensibilità per aprirsi all’energia significativa: il Prāṇa#2

 Prima di respirare con i polmoni, si respira attraverso il naso o la lingua. Una maggiore consapevolezza delle aree di contatto del passaggio dell’aria porta ad un uso radicalmente diverso del respiro.E’ necessario spostare l’attenzione sui recettori (le mucose) sensibili al passaggio dell’aria Indicazione: Immaginate che il vostro respiro sia come un filo che passa attraverso la cruna di un … Continua a leggere

Asana, consapevolezza e qualità d’ascolto: gli effetti sottili…

Le âsana dello yoga hanno effetti profondi e sottili (vedi il lavoro sapiente sulle energie esistenziali) oggi la maggior parte delle scuole di Yoga introducono le âsana per migliorare le prestazioni fisiche e questo può ridurre significativamente gli effetti sottili di âsana Secondo l’insegnamento sottile della fisiologia dello yoga,  l’uomo ha tre involucri/corpi chiamati śarīrāḥ/Kaya che circondono il corpo…ogni postura … Continua a leggere

L’azione sconosciuta di protezione di âsana

Presentazione standard1

âsana guida e sostiene il corpo, in quel difficile compito che è la meditazione. Questo è il  grande segreto di âsana. Eppure alla maggior parte dei praticanti, principianti e non, questo aspetto resta sconosciuto. Colgono la stabilità del corpo, la bellezza di una posizione. Ho visto miei allievi praticare con estrema lentezza confondendo questa lentezza con ascolto… era solo lentezza, … Continua a leggere

Lentezza e sensibilità che si combinano nel respiro…

0xKcQ6amcqzllxjyA5RU8CzHo1_400

Per permettere al prâna di fluire liberamente nel corpo, senza ostacoli, occorre coinvolgere i ricevitori sensibili quando la corrente dell’aria passa sulle mucose. Prima di respirare con i polmoni respiriamo con le narici e la lingua. La sensibilizzazione e la consapevolezza  di questo passaggio comporta un utilizzo radicalmente diverso del respiro. Provate ad immaginare che il respiro sia come un … Continua a leggere

A partire da te che leggi 2

Sabbia del deserto del Kalahari al microscopio. campo di illuminazione scuro.

(cristalli di sabbia) La meditazione:assorbirsi in se stessi permanendovi a lungo Come già abbiamo constatato nell’articolo precedente (A partire da te che leggi 1) lo sforzo costante tende ad indebolirci. Dobbiamo quindi imparare a di-stendere, a lasciare andare. Lo Yoga chiede di abbandonare lo sforzo: questo è uno punti della sua efficacia: calma la mente, induce  concentrazione ed equilibrio emotivo … Continua a leggere

A partire da te che leggi 1

cristalli di sabbia Ascoltati meglio Le numerose attività in cui siamo sempre impegnati sempre più ci allontanano dal nostro centro. Ma è con l’essere consapevolmente e con continuità nel nostro-centro che ci si può educare all’ascolto. Approfondire l’ascolto ci permette di poter vedere su quale scala di necessità mettiamo le nostre esigenze.  Bisogno di sonno, di riposo, di alimentazione, quale … Continua a leggere

Il Prāṇā

Peacock-70_25

Prāṇā non è solo energia sottile Prāṇā è anche intelligenza Si può dunque parlare di saggezza del corpo di intelligenza cellulare del corpo: Prāṇā è questa energia intelligente al di là della nostra volontà profonda intuitiva che funziona a un ritmo molto lento molto lento E’ legata al “silenzio” è legata all’immobilità Tutta la pratica dello Yoga è entrare sempre più nell’esperienza … Continua a leggere

Scheda tecnica n.35

Presentazione standard1

Da dove cominciamo quando sentiamo di volerci aprire a casa nella pratica dello Yoga e della Meditazione da soli? Siamo in grado di cominciare ad esplorare che cosa significa coltivare una pratica personale sia come processo di una sequenza, che come significati della meditazione? E’ utile esaminare cosa s’intende e quali sono le differenze tra questi due aspetti (continua a leggere: asana … Continua a leggere