Chāndogya Upaniṣad

bb

per cercare di essere sempre più fedeli a se stessi [Il Maestro dice:] « Orbene, nel [corpo] che è la città del Brahman, c’è un piccolo fiore di ninfea (loto), una casa (ossia il cuore); dentro c’è un piccolo spazio vuoto (Ākāśa). Ciò che in esso si trova, questo bisogna cercare, questo in verità bisogna cercare di conoscere ». Se gli obiettano: … Continua a leggere

Svetasvatara Upanisad

[…] 1. I sostenitori del Brahman dicono: Il Brahman ha forse qualche causa? Donde siamo sorti? In virtù di che cosa viviamo e su che cosa siamo fondati? Dominati da chi, nelle gioie e nei dolori, noi giungiamo alla [attuale] condizione, o conoscitori del Brahman? […] continua a leggere *** Articoli correlati: I limiti della conoscenza umana nelle Upanishad

Taittiriya Upanisad

[…] distinto da questo [involucro] costituito di soffi vitali e posto più all’interno, c’è un involucro custodito di pensiero. Questo riempie il precedente, con la forma di un uomo. In conseguenza di questa somiglianza con l’uomo anche il secondo è simile a un uomo…[…] (continua a leggere) . Immagine: Dipinto Cosmologico (1750–1850 India Rajasthan) *** Articoli correlati:I limiti della conoscenza … Continua a leggere

Brhdaranayaka Upanisad

  […] L’uomo che è soggetto alle passioni, per effetto delle azioni giunge alla meta cui la mente s’era rivolta. Quando ha esaurito l’effetto della sua opera, qualunque cosa abbia quaggiù fatto, dall’altro mondo torna su questa terra, all’operare. Questo per chi è in preda al desiderio. Ma per chi non ha desideri, è privo di desideri, libero da desideri, … Continua a leggere

Kausitaki Upaniṣad – 3.8

[…] Non si dovrebbe cercare di capire la forma;  si dovrebbe conoscere colui che vede la forma. Non si dovrebbe cercare di capire il sapore del cibo; si dovrebbe conoscere colui che percepisce il sapore del cibo. Non si dovrebbe cercare di capire l’azione; si dovrebbe conoscere colui che agisce. Non si dovrebbe cercare di capire la gioia e il … Continua a leggere

Mundaka Upaniṣad

[…] 3. Non è possibile raggiungere l’Atman con l’insegnamento, e neppure con l’intelletto né con molta dottrina. Lo può ottenere soltanto colui che Esso trasceglie; a costui l’Atman medesimo rivela la propria essenza […]  continua a leggere *** Immagine via: marr-tb Articolo correlato: I limiti della conoscenza umana nelle upanishad,

Isha Upaniṣad

[…] 10. L’Assoluto, si dice, è diverso dalla conoscenza, diverso dall’ignoranza. Questo abbiamo udito dai saggi che ce l’hanno insegnato.  […] continua a leggere  Tratto da: Upaniṣad , a cura di Carlo Della Casa, Ed. Utet, 1983, pag.346-349 . Immagine Via: Marr-tb *** Articolo correlato: i limiti della conoscenza umana nelle upanishad

Mandukya Upanishad

 […]  Si considera come quarto (modo di essere) quello che è privo d conoscenza delle cose interiori,privo di conoscenza delle cose esteriori, privo della conoscenza di entrambe. Esso non è costituito soltanto di conoscenza, non è conoscitore né non conoscitore. Esso è invisibile, inavvicinabile, inafferrabile, indefinibile, impensabile, indescrivibile, ha come caratteristica essenziale di dipendere soltanto da se stesso; in esso il … Continua a leggere

Prasna Upanisad – Quarto quesito

[…] Poi s’avvicinò per interrogarlo Sauryayanin Gargya: “O venerando, che cos’è che dorme nell’uomo e che cosa sta sveglio? Qual è quella facoltà che vede i sogni? E chi gode la gioia [del sonno]? E su che cosa tutti sono fondati?”    […] continua leggere Upanisad, a cura di Carlo Della Casa, ed. Utet, 1983, pag.384-395 *** Articolo correlato:I limiti della conoscenza … Continua a leggere

I limiti della conoscenza umana nelle Upanishad…

 i testi sacri dell’India Mistica… Lo scrittore delle Upanishad cerca di eliminare la divisione soggetto/oggetto per ricondurre tutto all’Unità. Si sforza di comunicare al lettore la sua intuizione: esiste un Tutto-Indiviso, un Tutto-Indivisibile, e che la prima e più importante divisione che sperimentiamo è proprio quella tra il soggetto (l’essere cosciente che conosce) e l’oggetto (ciò che è percepito). Cerca … Continua a leggere