Ci sono momenti della vita….

rome_flower_by_ielioi

Ci sono momenti della vita durante i quali un’esperienza sconvolgente ma meravigliosa viene alla mente come se provenisse da un altro mondo .

La magia che la evoca come se qualcuno avesse sussurrato casualmente l’apriti sesamo che fa rotolare via la pietra dal tesoro nascosto. È spesso così fugace da essere dimenticata nella gioia dell’esperienza. Può essere una tenute cadenza di musica, il canto improvviso di un’allodola, lo spruzzo di un’onda, un flauto suonato alla luce della luna. Può essere una grande armonia di suono,dolce o assordante:le voci mormoranti di un pomeriggio d’estate o le urla profetiche e rimbombanti di una tempesta montana. Può essere qualcosa divisibile:un incantevole sorriso o il movimento di un braccio: un singolo gesto, una forma o una tonalità  di irresistibile bellezza:una scena  familiare trasformata da un’insolita qualità di luce: una maestoso panorama di colori intrecciati spruzzati attraverso il mare o il cielo: un gruppo di rocce che suggeriscono enormi esseri imbevuti di vita. O l’incanto può essere prodotta da un’esaltazione improvvisa che scaturisce dalla mente la proiettata per così dire in una dimensione sconosciuta.

Che l’esperienza non sia una immagine passeggera ma il segno di qualcosa di profondamente significativo, lo si riconosce in un baleno, ma non sempre si comprende in seguito il suo significato. Una cortina finora inosservata è tirata da parte improvvisamente e, benchè si sottopongano altri veli, per un momento atemporale appare rivelato parzialmente – un mistero. Quindi la cortina ritorna la suo posto e cala almeno un certo oblio.

“Mistero” non è un termine soddisfacente ma così’altro si può dire?

Ha un centinaio di nomi,tutti inadeguati. E’ chiamato il Bene, il Vero, il Bello e tutti questi insieme. I filosofi lo chiamano Assoluto o Realtà Ultima. I mistici cristiani lo conoscono come la Divinità e i cristiani in Generale come Dio. E’ il Brahma e il Para-Atma degli induisti. Il Diletto dei Sufi, il Tao o la Via dei taoisti. I nomi buddhisti variano a secondo del contesto: Nirvana,la Matrice dei Dharma, Sicceità, il Vuoto, la luce Chiara, la Mente. Nelle parole del saggio cinese Lao-tze

“la Via che può essere concepita non è la Via Eterna: il Nome col quale può essere chiamata non è il suo Nome Eterno”

  John Blofeld

* * *

Articoli correlati: corsi

Per approfondire il tema consiglio la pagina di Facebook del mio Maestro Franco Bertossa https://www.facebook.com/franco.bertossa, o su questo blog l’articolo: Franco Bertossa l’insegnamento

Ci sono momenti della vita….ultima modifica: 2018-08-19T07:59:43+02:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *