Tchi Ch’ong Tzu: Maestro della Sapienza tradizionale cinese

camp

….il silenzio ha un leggero fremito per lo stormire del vento tra i rami dei pini. il manto nero della notte ondeggia appena alla brezza che scende dai monti. io trattengo il respiro per la dolcezza infinita di questo istante: non voglio turbare il suo fragile incanto. come un fiocco di nebbia nella notte passa una ghirlanda fatta del canto … Continua a leggere

Sutra di Amitabha

Sutra di Amitabha Il Sutra Amida(Amida Kyo) (Piccolo Sukhavativyuhasutra) (Traduzione e adattamento di Massimo Claus) Io Ananda ho ascoltato queste parole dal Buddha Shakyamuni una volta che il Signore dimorava nel monastero donato al Sangha da Anathapindika, nel boschetto di Jeta. A quel tempo la Comunità del Buddha era composta da molti monaci considerati da tutti Santi perché avevano eliminato dalle loro menti ogni impedimento. Erano … Continua a leggere

Dal Mumyōshō “Trattato senza nome” di Kamo no Chōmei

ren

[…] stando a coloro che hanno una buona conoscenza della poesia, il punto non sta nell’atmosfera creata dalle parole, ma in quella di cui non se ne vede l’aspetto. È quello che ha una profonda risonanza nel cuore dell’uomo, e la bellezza delle parole usate in modo raffinato ne è una conseguenza. Si prenda per esempio, la scena di un … Continua a leggere

La dottrina Zen della Non Mente di Daisetz Teitaro Suzuki

dall’Introduzione: ….Questo volumetto, dedicato in larga parte all’insegnamento del Ch’an di Hui-Neng, riveste l’intero proposito e tecnica dell’addestramento Zen e, nella visione dei molti che vanno ancor più in profondità nello Zen, ancor più di qualunque altra opera dei tempi moderni. Christmas Humphreys La Dottrina Zen Della Non-Mente, Daisetz Teitaro Suzuki

Kurukulle mantra

Kurukulle mantra (Rigjedma – Kurukulla)  Goddess of Love, Enchantment and Liberation

Ti narro di Utenshu – quaderno 3

Koishikawa-yuki-no-ashita-680x465

Qualche fiore lo notava e chiedeva ai più anziani già informati: «Chi è costui e perché qui siede?». Ed essi con voci sottili rispondevano: «È lo stolto Untenshu Chookaryoo in viaggio per il monte Fuji, dice. È qui dall’inizio delle nostra nascita, ma ancora non muove: pensa e scrive, scrive e pensa. Mangia, dorme e gioca sul materasso con Yokkyuu, … Continua a leggere