Lode della Suprema Realtà….

Come posso lodarti, o Signore, Te non nato e residente in nessun luogo, Te che sorpassi ogni comparazione mondana, che trascendi la strada delle parole! E tuttavia, per quanto Tu sia di dominio della suprema realtà, io ti loderò devotamente, o Maestro, basandomi sulla convenzione mondana. Privo, per natura, di nascita, in Te non c’è nascita, non andata, non venuta. … Continua a leggere

Ecco cosa dice Eihei Dōgen rispetto alla Via del Buddha

image016

“Detto incidentalmente, esistono due modalità per studiare la Via del Buddha: lo studio con la mente e lo studio con il corpo. Studiare con la mente significa studiare con tutti i tipi di mente esistenti.Con la ‘parola’ mente si intende: la mente come attività discriminante e intellettiva (citta), la mente come sede delle emozioni (hridaya), la mente come sede della saggezza attinta attraverso l’esperienza … Continua a leggere

Yōtaku Bankei Kokushi (1622-1693): “Fu-shō” il non-nato

Bankei

Yōtaku Bankei Kokushi Maestro Zen giapponese “Il non-nato (Fu-shō)” fu il centro del suo insegnamento . Oggi è considerato uno dei più originali Maestri dello Zen giapponese. Dato il carattere marcatamente individuale del suo insegnamento la sua appartenenza a una scuola zen non è chiara anche se normalmente viene collocato all’interno della scuola Zen Rinzai . Nella tradizione si racconta che un … Continua a leggere

Ciò che è chiamato esistente, esiste….

Siccome la natura propria di tutte le entità non è nelle cause, né nelle condizioni, individuali, né nella aggregazione delle casue e condizioni, né in qualsivoglia entità, in altre parole, non in tutti questi dunque,l tutte le entità sono vuote di una loro natura propria (“vuote” sta a significare che la natura propria indipendente è assente) Ciò che è chiamato … Continua a leggere

Shōbōgenzō: dal Zazen-shin

Citazione

6Non dobbiamo pensare semplicemente che quanto vediamo è quanto vediamo, ma dobbiamo convincerci che vi è un senso (profondo) da investigare in tutte le cose. Dovremmo sapere che pur vedendo Buddha possiamo non (ri)conoscerlo, e non capirlo. Allo stesso modo, pur vedendo l’acqua possiamo non (ri)conoscerla e vedendo le montagne possiamo non (ri)conoscerle. Limitarci al fatto immediato che ci sta di fronte agli occhi e non cercare più a fondo nelle cose, non è studio del buddhismo…

Tratto da: Shōbōgenzō,  Eihei Dōgen (1200-1253), cap.12 Zazen-shin  

Quando praticate la meditazione …

uomo

realizzate questi dieci insegnamenti: contemplate le verità misteriose; conservate la misericordia; mantenetevi quieti; restate liberi dagli attaccamenti; distinguete la via che porta all’illuminazione da quella che   la ostacola; praticate ciò che vi fa crescere spiritualmente; superate le difficoltà; siate consapevoli del vostro   livello spirituale; restate tranquilli sopportando ciò che vi è sgradevole; superate qualsiasi attaccamento.» Saichō (767-822) noto anche come … Continua a leggere

Un filo lungo migliaia di anni

gerard blitz_4238

Lo Yoga è un mezzo che ci permette di migliorare la qualità della nostra vita. Lo Yoga è concreto, chiaro e preciso. Non vi è alcun mistero nella sua pratica. Sappiamo che facendo certe cose noi otteniamo certi effetti. La scienza moderna conferma ciò che avevano intuito i grandi maestri del passato. Essenzialmente lo Yoga porta equilibrio nelle funzioni del … Continua a leggere

Saichō (noto come Dengyō Daishi 767- 822 dc)

Conosciuto come Saichō, fu chiamato dopo la morte Dengyo Daishi. (Daishi significa Gran Maestro che trasmette l’insegnamento) titolo onorifico, in genere postumo, concesso dalla corte imperiale ai Maestri di grandi virtù. Saichō  studiò buddhismo sotto la guida di Gyohyo (722-797) e nell’804 decise di recarsi in Cina per andare alla ricerca delle radici del buddhismo. In Cina apprese il Buddhismo … Continua a leggere

Se guardi nella tua mente …

monk

[…] Se guardi nella tua mente in qualsiasi istante, non puoi percepire né un colore né una forma per verificarne l’esistenza. Tuttavia non puoi neanche dire che non esista, poiché pensieri differenti l’attraversano di continuo. La vita è veramente una realtà inafferrabile che trascende sia le parole che i concetti dell’esistenza e della non esistenza. Non è né esistenza né … Continua a leggere

Eihei Dogen: se siamo già dei Buddha, perché praticare?

The_buddha_hall_of_Tiantong_Temple

[…] Da quando decisi di dedicarmi alla ricerca del vero modo di vivere secondo l’insegnamento di Sakyamuni, ho fatto visita a maestri in ogni parte del Giappone. […] Tuttavia, non essendo riuscito neppure con lui a realizzare completamente l’insegnamento di Sakyamuni, mi recai in Cina alla ricerca di un vero maestro”. […] Sulla nave che lo portava in Cina ebbe … Continua a leggere