Un medico volontario si racconta…

  Migranti sani… […] Ho scoperto che le patologie esotiche non esistono, o quasi, tra gli immigrati che arrivano nel nostro Paese: sono una popolazione sostanzialmente sana. Perché dovrebbero essere affette da gravi malattie persone giovani, trai 15 ed i 45 anni, che hanno il coraggio e la forza di affrontare il viaggio lungo e difficile? Più lungo è il … Continua a leggere

Popoli usati, calpestati …

Citazione

foto nera.JPG

.

nella dignità di popolo, bambini completamente sradicati dalla loro cultura, senza più passato, né futuro…come in generale tutte le minoranze…

 

 

e ancora…Uno sterminio muto (fonte peacereporter)

da: Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama – © copyleft perle.risveglio.net:

Non rinunciare mai. Qualunque cosa accada, non rinunciare mai. Sviluppa il cuore: nel tuo Paese si spende troppa energia per sviluppare la mente invece del cuore. Sii compassionevole non solo coi tuoi amici, ma con tutti gli esseri. Datti da fare per la pace nel tuo cuore e nel mondo. Datti da fare per la pace e io ti dico ancora: non rinunciare mai. Qualunque cosa succeda, qualunque cosa accada intorno a te, non rinunciare mai.

 

La ricerca del pensiero che va oltre il personale…

. in una relazione fra esseri viventi… .  […] l’avvicinarsi all’altro va condotto con regole e norme realistiche,(continua a leggere) di Massimo Cacciari   Nessuno riconosce di essere razzista…di Ascanio Celestini […]si arriva al paradosso di voler creare classi per bambini italiani e per stranieri . La scusa  è il problema della comprensione linguistica: i figli degli immigrati non capiscono la nostra lingua dunque … Continua a leggere

Londra, commessa contro A&Amp

 discriminata per la mia protesi    […] La studentessa Riam Dean, addetta alle vendite nel negozio di Savile Row, a Londra, ha portato davanti a un tribunale l’azienda statunitense – specializzata in abiti “casual luxury” – sostenendo di essere stata “retrocessa” ruolo di magazziniera proprio per via del suo handicap. (continua a leggere) da Articolo Corriere della Sera del 25 Giugno … Continua a leggere

Che cosa resta di affidabile e credibile al giorno d’oggi?

  Non  è mai troppo presto per insegnare ai figli ad accettare chi è diverso  […]  (continua a leggere )

Per non dimenticare…

è possibile la pace senza un lavoro di consapevolezza su noi stessi? Donne torturate con bastoni, coltelli, baionette esplose dentro i loro corpi rimasti senza vagina, vescica, retto. Ragazze alle quali  devo dire: mademoiselle, lei non ha più un apparato genitale […] Agnes è un raggio di luce: 33 anni, sei figli l’ultimo nato dallo stupro. Rapita vicino al campo … Continua a leggere

Cos’è che io stesso, come singolo individuo,

  devo continuare a ricordare?  […] In genere, nell’approccio con un fenomeno si compiono due passi. Il primo è la percezione del fenomeno stesso:“mi fermo al semaforo e c’è un lavavetri che mi rompe […]” Poi si compie il secondo passo: “Sì questo lavavetri non lo sopporto, ma quello viene qui perché a casa sua muore di fame con tutta la … Continua a leggere

Global Voices: l’obiettivo di dar voce a chi non ne ha…

Ascolta, il mondo ti sta parlando (articolo  Nòva 24 del 28/08/2008): Un rete che dà voce anche ai Paesi dove non esiste la libertà di espressione …Global Voices è uno dei progetti di citizen journalism – giornalismo dal basso… costruire un nuovo genere di giornalismo: al servizio della globale utilità di tutti gli abitanti del mondo e non solo di quelli … Continua a leggere

Mario Rigoni Stern

  […] un passo dietro l’altro, un passo dietro l’altro, un passo dietro l’altro, pareva di dover sprofondare con la faccia dentro la neve, e soffocare con lunghi coltelli piantati sotto le ascelle, ma quando finisce…quanta neve, quanto sonno, quanta sete…[…]  da “il sergente nella neve”, Ed. Einaudi,  Mario Rigoni Stern Articoli correlati: Link: articolo del 18/6/08 – Corriere della Sera,  Clicca qui … Continua a leggere