Non come ampliare il respiro ma come approfondirlo…

tadasana respiro

Quando propongo il Prânâyâmah nella nostra pratica l’obiettivo  non è come ampliare il respiro ma come approfondirlo, per questo è necessario concentrarsi sulla conoscenza ed esplorazione del proprio respiro. Questa è anche la chiave per svelare il rapporto fra corpo, respiro, mente e Dhyâna  (la meditazione) Un progressivo rallentamento del respiro lo approfondisce e lo semplifica. Per fare questo dobbiamo riconsiderare … Continua a leggere

Una leggera sferzata di energia#2

copertina

Una leggera sferzata di energia#2 Questa sequenza come la sequenza n.1, produce un’azione di rinforzo  ripartito in tutte le parti del corpo  porta  calma e toglie fatica. Praticata alla fine di una giornata lavorativa dà una leggera sferzata  di energia. Prima di iniziare la vostra pratica vi consiglio: fate in modo da non non essere disturbati per tutta la durata … Continua a leggere

Una leggera sferzata di energia#1

Presentazione standard1

Hatha Yoga in ascolto: una sferzata di energia#1 Questa sequenza è una  pratica per il fine pomeriggio,  dopo una giornata di faticoso lavoro rilassa e dà una leggera sferzata di energia per ben concludere la giornata. Prima di iniziare la vostra pratica vi consiglio: fate in modo da non non essere disturbati per tutta la durata della pratica coordinare il respiro … Continua a leggere

Sādhana e Svatantra – le implicazioni dell’ascolto profondo nello Yoga e nella Meditazione

Presentazione standard1

In primo luogo Vi è la necessità  di sviluppare due aspetti dello Yoga e della Meditazione le tecniche attraverso l’ascolto lo studio dei testi alla luce dell’esperienza di pratica Ciò significa imparare ad impegnarsi con un  processo che significa avere una pratica personale di Yoga e Meditazione accanto all’impegno ad imparare a studiare la teoria dei principi che sono alla base … Continua a leggere

Meditazione all’alba con Prāṇa Mudrā

fase 2 prana mudra

Sistematevi nella posizione seduta avendo cura di utilizzare tutti i supporti che vi sono necessari per avere una posizione comoda e stabile (vedi scheda tecnica n.1 e 26) La pratica di Prāṇa  Mudrā chiudete gli occhi, utilizzate sempre la respirazione addominale ed iniziate il percorso di Prāṇa Mudrā (vedi scheda tecnica Yoga e Stagioni/primavera#3), al termine adagiate le mani in … Continua a leggere

Dirgha-sukshma: essere con il respiro

Immagine

le carateristiche del respiro sottile, naturale e consapevole Dirgha= allungare, prolungare Sukshma=affinare La cosa importante è la consapevolezza del respiro. Il corpo è lento, la respirazione naturale è lenta, ma la mente è mobile, vagante, se la concentriamo su di un oggetto che cambia essa modifica la respirazione, la accelera o la rallenta. Se ci concentriamo sull’ascolto del respiro, la … Continua a leggere

Stambha vrtti (Kumbhaka): il quasi-niente che apre a Dhyāna

Immagine1

  controllate il corpo con āsana, con Abhyantara Kumbhaka il prāṇa  la mente con la meditazione dhyāna Stambha vrtti (altri testi utilizzano il termine Kumbhaka=kumbha=giara, vaso) Stambha=fissare, arrestare, sospensione, immobilità, riposo Vrtti=movimento Cosa accade fra l’inspiro e l’espiro? Accade un intervallo, una sospensione, un spazio minimo in cui qualcosa nel tempo non è più ed anche non è ancora, pur essendo entrambi, … Continua a leggere

Sādhana Prânâyâma consigli#2

iBook1280x600

La pratica del Prânâyâma collega il praticante agli aspetti più sottili di Dhâranâsu  Se vogliamo andare verso una Sādhana Prânâyâma, evitare di mangiare troppo e dormire troppo, ma evitate anche il contrario, anche il ritmo irregolare della vita è un ostacolo per lo Yoga, così come il cibo malsano e il lavoro mentale eccessivo. Un neofita NON deve praticare la ritenzione del … Continua a leggere

Abhyantara vrtti (o Puraka): l’inspirazione

images (1)

il movimento del non-fare Abhyantara vrtti (altri testi utilizzano il termine Puraka) e nel suo insieme può essere tradotto come portare verso l’interno Abhy= verso, direzione Antar= interiore Vrtti= movimento Questa è la fase del respiro che consiste nel fare entrare il prāṇa all’interno di noi stessi. Solitamente Abhyantara vrtti (l’inspirazione) la si allunga, difficilmente la si forza. Durante l’inspirazione lasciamo che … Continua a leggere

Bàhya vrtti (o Recaka): l’espirazione

Immagine2

la risalita del respiro dal fondo del bacino Si tratta della fase del respiro che consiste nel lasciare andare il prāṇa verso l’esterno. Bàhya (altri testi utilizzano il termina Recaka) Bàhya = esteriore, al di fuori Vrtti= movimento Fisiologicamente Una espirazione consapevole, lenta, dolce e consapevolmente allungata è una pratica che nello Yoga Ayurvedico è di orientamento Langhana e di purificazione è associata … Continua a leggere