Danza Offri ai cieli …

Hyewon,_Miindo_2

Danza Offri ai cieli sopra di te qualcosa di più di uno sguardo fuggevole. Spero che non perderai mai il senso di meraviglia. Possa tu non dare mai per scontato neppure un singolo respiro, e quando ti si presenterà la scelta di star seduta in disparte, o di danzare io spero che danzerai, spero che danzerai. Spero che non avrai … Continua a leggere

Da dove viene la mia vita?

CALLIGR

Da dove viene la mia vita? Dove è diretta? Medito vicino alla finestra del mio rifugio Cerco il mio cuore, annegato nel silenzio, cerco, cerco e non so ancora Dove tutti è iniziato Cosa avrò trovato quando sarà la fine? Non posso fissare Il momento presente Ogni cosa cambia, ogni cosa è vuoto E in questo vuoto il mio “io” … Continua a leggere

L’atmosfera dei giardini Zen – video

Immagine

Clicca qui per vedere il video; L’atmosfera dei  giardini Zen) In primavera i fiori di ciliegio D’estate il canto del cuculo D’autunno la luna Poi neve, pura e fredda d’Inverno  Eihei Dōgen ( 1200 –  1253)   

La leggenda del Maestro Hui-Neg – film

hui

  Clicca qui per vedere il film La leggenda del Maestro Hui-Neg   Hui Neng (638-713) è stato il Sesto Patriarca, il fondatore della scuola Dhyana (Ch’an) del Risveglio Improvviso, che enfatizza la possibilità dell’illuminazione improvvisa.  Hui Neng divenne il più famoso maestro Ch’an (Zen) della storia cinese. Dopo la sua morte, i suoi lavori furono raccolti e classificati come l’unico Sutra Buddhista … Continua a leggere

Quante cose accadono nel silenzio…

76565-Autoritratto_Zoran_Music

   […] Ho bisogno di questa solitudine, del silenzio, di restare immobile in questa natura, in mezzo a questo orizzonte immerso, ho bisogno di restare  così….mi sembra quasi che non sono qui per lavorare ma per meravigliarmi di questa piccola vita che mi circonda. Tutto questo crea un ambiente indispensabile, uno stato di benessere che spesso si avvicina all’euforia, questa … Continua a leggere

Ōtagaki Rengetsu (1791-1875)

otagaki rengetsu

la monaca buddista considerata uno dei più grandi poeti giapponesi del del diciannovesimo  secolo “con l’abito nero del monaco non dovrei avere alcuna attrazione per le forme e i profumi di questo mondo ma come faccio a mantenere il precetto del distacco guardando le foglie d’acero cremisi di oggi?” (Clicca qui per vedere il video Ōtagaki Rengetsu)