Come il sōzu Genpin lasciò il mondo e scomparve – di Kamo no Chōmei

monk

Hos-shinshū (letteralmente “Raccolta di hosshin“, dove hosshin designa l’aspirazione al distacco dal mondo, che spesso ma non necessariamente si identifica con il sorgere della vocazione alla vita monastica buddhista), una collezione di aneddoti (setsuwa) di cui la tradizione attribuisce la compilazione a Kamo no Chōmei (1153-1216), scrittore e poeta che il breve resoconto autobiografico Hōjōki (Ricordi del mio eremo) ha … Continua a leggere

Vesak Day!

vesak1

Nel Denkoroku (la trasmissione della luce) di Keizan Zenji, nel primo caso è descritto il risveglio del Buddha nel modo seguente: Shakyamuni Buddha, vedendo la stella del mattino consegui il risveglio . Disse “io, insieme alla grande terra ed a tutti gli esseri senzienti, ho realizzato la via contemporaneamente”.

Vesak 2021 – Buddha: la nascita, l’illuminazione e la morte

UBI-VESAK2021

La maggioranza delle tradizioni pone quest’evento nel giorno di luna piena del mese lunare di Visaka, ad aprile o maggio l‘Ubi ha adottato il Vesak nella sua tradizione interbuddhista facendo coincidere nascita, illuminazione e parinirvana (parinibbana). Le festività buddhiste sono numerose e si differenziano tra le varie scuole e tradizioni: «tutti i centri aderenti all’Unione buddhista italiana Ubi celebrano però … Continua a leggere

Zen

FB_IMG_1468063143583

Il professore: Nan-In sono venuto a informarmi sullo Zen Il Maestro: prenda un tè con me professore Nan-In servì il tè e continuò a versarlo nella tazza del professore fino a farla traboccare. Il professore restò a guardarlo allibito  e infine sbottò: “smetta di versare, è piena” Il Maestro: come questa tazza lei è pieno delle sue opinioni e speculazioni. … Continua a leggere

La Vita nel momento stesso in cui si svolge, né prima né dopo… (cit.: Maestro Gerard Blitz)

1596807567

Quando si entra nella sala di yoga non si può pretendere di riuscire a staccare istantaneamente dal vortice frenetico della giornata, per questo è importante arrivare cinque dieci minuti prima dell’inizio della lezione per avere la possibilità di deporre l’agitazione mentale della giornata  e lasciare andare la pretesa di entrare subito nell’ascolto e questo vale anche, naturalmente, per quando pratichiamo a … Continua a leggere

Xuánzàng – Un pellegrino buddhista sulla Via della seta, Cap. VI

http://www.metmuseum.org/art/collection/search/45372

[…] “finalmente Xuánzàng si inginocchia davanti all’albero sacro e pensa al tempo in cui il Buddha aveva per tre volte vegliato e raggiunto la saggezza perfetta. […] […] In segno di sincera devozione, Xuánzàng i abbassa con il viso rivolto a terra e sospira:”nel tempo in cui il Buddha si perfezionò nella saggezza, non so in quale condizione ero  nel … Continua a leggere

Aautosviluppo secondo la scuola Ch’An (zen) – CAP.II

bb2

Egli allora trasmise a Mahākāśyapa il Dharma della Mente che è stato tramandato di generazione in generazione fino a noi. Il Buddha non era illuminato dalla nascita e fu costretto a sottoporsi a un rigoroso tirocinio prima di conquistare il bodhi. Lo fece da solo senza maestri e, mosso dalla compassione per noi, uomini dell’età del tramonto del Dharma, lasciò … Continua a leggere

Aspetto attenzione della respirazione – CAP XII – Itsuo Tsuda

cop

La parola ki in giapponese significa sia respiro che attenzione. Cerchiamo di capire. Quando si cerca nel silenzio della notte di dormire, la nostra attenzione è attratta dal leggero rumore della sveglia. Dato che questo tic-tac ci disturba, cerchiamo di non prestarvi attenzione, di non pensarvi. Ma più si cerca di non pensarvi, più ci si pensa. Il conflitto inizia … Continua a leggere