Apprendere come iniziare….

    Apprendere come iniziare un nuovo rapporto di conoscenza a livello fisico con il corpo, in modo da capire come situare la tecnica inizia con âsana . Âsana ci riporta immediatamente ad una relazione con il corpo, che diventa campo di esperienza.Non appena ci viene detto  il nome di una postura la nostra mente ci impone l’immagine finale ideale … Continua a leggere

Introduzione allo Yoga Darshana di Raphael

In questi ultimi anni si è parlato spesso, a proposito e a sproposito, di Yoga; anzi, questa parola è stata talmente profanata che oggi se ne diffida persino, anche se poi non si sa esattamente che cosa veramente voglia dire. La parola Yoga deriva dalla radice yuj che denota l’”atto di aggiogare” e, nel nostro caso specifico, risolvere le turbolenze … Continua a leggere

Formazione all’ascolto profondo….

io

Apprendere come iniziare un nuovo rapporto di conoscenza a livello fisico con il corpo, in modo da capire come situare la tecnica inizia con âsana . âsana ci riporta immediatamente ad una relazione con il corpo, che diventa campo di esperienza. Non appena ci viene detto il nome di una postura la nostra mente ci impone l’immagine finale ideale dell’âsana … Continua a leggere

Credo in uno Yoga….

io

  Credo in uno yoga che si adatta alle persone, in un approccio progressivo, accessibile a tutti Che non si piega alle mode, Che va oltre le apparenze, Che non dimentica le proprie origini, Che non si improvvisa in un fai da te… Che attraverso la pratica dell’hatha yoga in ascolto sviluppa l’ascolto profondo e lo studio di sè (Svādhyāya) … Continua a leggere

Perchè avvicinarsi allo yoga e alla meditazione?

Le ragioni sono tante, una tra le altre, è la possibilità di recuperare la relazione con una sapienza…antica e perduta… di cui erano a conoscenza i popoli antichi del mediterraneo… sapienza che ha a che fare con la nostra identità, con l’io, con l’Uno e l’Universale attraverso una atto di conoscenza e di coscienza che superi il dualismo della ragione… … Continua a leggere

Il non perdurare dell’IO…

Ciò a cui ci aggrappiamo, quel sapore di io/sè non esiste così come lo crediamo: assoluto e permanente. Questo non significa che non esistiamo, il che sarebbe una conclusione sciocca, ma questo IO, così particolare che sentiamo, assaporiamo, che si ritrova con tutte le sue difficoltà, paure ecc… semplicemente non dura… Per essere in grado di accogliere, abbracciare una comprensione … Continua a leggere

Per terminare la stagione invernale e incontrare la luce dell’inizio della primavera….

In autunno, il Vâta dosha rende sensibili al vento, al freddo e allo stress e, al termine della stagione invernale il Kapha dosha progressivamente si è accumulato. Per rilanciare l’energia che si è assopita vi propongo due esercizi che risvegliano il corpo. Con le lunghe notti invernali e il tempo piovoso, il Kapha dosha accumulato si esprime in noi attraverso … Continua a leggere

Ma tu credi che lo Yoga sia solo le āsana ?

Le āsana  (le posture dello Yoga) eseguite in coordinamento con il respiro, nel silenzio, gli occhi sempre chiusi, in lentezza sono come il mantra dell’ascolto: aprono e lasciano spazio per qualcos’altro… 1.26 – Sa eśa pūrveṣām-api guruḥ kālena-anavacchedāt antica origine, in se stessa Maestro Senza Tempo 1.27. Tasya vācakaḥ praṇavaḥ in questo spazio sacro 1.28 tat-japaḥ tat-artha-bhāvanam la ripetizione del … Continua a leggere

Esperienza e consapevolezza non-due, né-uno …

Banchetto_(Museo_archeologico_nazionale_di_Egnazia)

Non c’è Āsana senza ascolto Lo Yoga è ascolto: è esperienza che ti resta dentro Āsana ne è lo strumento Āsana è la terza fase (anga) delle otto parti dell’ Aṣṭāṅga Yoga Sūtra di Patañjali. Non c’è e meditazione senza consapevolezza La Meditazione: l’ascolto con una centratura del corpo e della mente è consapevolezza. Dhyâna la posizione seduta ne è lo strumento. … Continua a leggere