Omaggio al Maestro dello Yoga Gérard Blitz in occasione dell’anniversario  della sua scomparsa

blitz

Nel cammino verso la NON SOFFERENZA tutte le tradizioni dicono che la pace della mente, la stabilità della mente, sono indispensabili per percepire la Sorgente che è in noi, la nostra Capacità di Vita.[…] Per mezzo dell’Hatha Yoga possiamo affrancare il nostro sistema mentale dai suoi schemi e pacificarlo, creando le condizioni affinché si armonizzi con il ritmo del cosmico, … Continua a leggere

lo Yoga in ascolto – il guardare sottile#2

copia

Attraverso la pratica di âsana in ascolto si prende consapevolezza del corpo, poi  della nostra respirazione, poi dello stato di insieme, di totalità. Questo processo riduce la dispersione, stabilizza  la  mente-ordinaria,  e approfondisce il rapporto con un livello più originario  della mente. Rapporto, che sebbene sempre “vero”, esiste a differenti livelli di profondità, di finezza, di chiarezza. Dagli Yoga-Sūtra di … Continua a leggere

Quando si è nell’Ascolto nella pratica dello Yoga ?

Immagine

La mente riconosce l’atto di ascoltare, ma l’ascolto non è  percepire un  pensiero. L’ascolto è un’esperienza! Quando riuscite  a  riconoscere il pensiero ascolto, avete individuato l’attività della mente,  avete creato la condizione perché sia dia “l’esperienza ascolto”.

lo Yoga in ascolto – il guardare sottile#1

copia

la mente per noi è una funzione, è il nostro rapporto con il mondo che ci circonda, è la mente ordinaria, quella che si risveglia al mattino, legge queste parole, percepisce, immagina, concepisce, ricorda, vuole, si confronta e rileva, sono questi gli aspetti che sappiamo riconoscere nella nostra esperienza quotidiana e a cui siamo stati educati. Dagli Yoga-Sūtra  di Patañjali … Continua a leggere

Nello pratica dello Yoga in ascolto non si tratta di praticare per il corpo

SONY DSC

I tempi della sequenza sono molto importanti, ma ancora più cruciali sono i “momenti di ascolto” sono essi a dare significato a questa pratica. Inizialmente potrebbe risultare difficile da comprendere. Se io faccio un movimento in asana questo suscita qualcosa nel corpo, ed un movimento suscita “sempre” qualcosa, dopo, devo dare tempo che, qualcosa in me, “senta” che cosa è … Continua a leggere

Yoga – noi stessi entriamo in contatto con noi stessi

zen

Lo Yoga ci guida all’ascolto, insegnandoci come è possibile stare nella nostra interiorità in modo tale che la mente non stia nella vaghezza E’ uno strumento che ci porta con estrema precisione ai confini della nostra interiorità, permettendoci di coglier-CI in una dimensione profonda al di là delle emozioni e delle fantasie. Attraverso  questa pratica noi stessi, entriamo in contatto … Continua a leggere

Ora, ecco, il Mistero dello Yoga

656623689

questa mattina, ci siamo alzati dal letto, forse con un po’ di malumore o forse no. I pensieri hanno rapidamente seguito la consueta routine di normalità. Il corpo ha sincronizzato il ritmo col respiro, e ci siamo immersi nel flusso della giornata. Interagendo con gli altri, scambiando parole e sorseggiando il caffè, tutto sembrava normale. Tuttavia, in sottofondo, è emerso … Continua a leggere

Buon 2024!

sala te1

  […] Non un colore che alteri il tono della stanza, non un suono che turbi il ritmo delle cose, non un gesto che comprometta l’armonia, non una parola che infranga l’unità dell’ambiente, tutti i movimenti devono esser compiuti in modo semplice e naturale. Sono questi gli scopi della cerimonia del tè. E per quanto strano possa sembrare, vengono spesso … Continua a leggere

Buon fine anno 2023!

Immagine

Il vento , simile a un antico Messaggero, ispira espressioni in tutto il mondo. Le campane a vento giapponesi (Fūrin)  con il loro suono  nella sala della cerimonia del tè, si narra connettano il passato al futuro, mantenendo viva la memoria. Non dimentichiamo l’anno che sta finendo; ricordare è essenziale per costruire un futuro in cui le parole e le … Continua a leggere