La quintessenza dell’Hevajratantra – estratto

hevra

L’Hevajratantra è una fonte sanscrita del buddhismo vajrayâna. Composto verso la fine del IX secolo o all’inizio del X, questo tantra è stato tradotto in tibetano nell’XI secolo. La parte più importante della sua dottrina riguarda la conoscenza non duale della vera natura della coscienza, ciò che viene chiamato “Grande Sigillo” (mahâmudrâ). Il testo seguente è la traduzione dal sanscrito … Continua a leggere

Le 4 Nobili Verità: Cattari Ariya Saccani

sole

1 . la verità del dolore 2 . la verità dell’origine del dolore 3 .  la verità della cessazione del dolore 4 . la verità del sentiero […] La verità del dolore riguarda gli impuri aggregati e mentali e fisici di esseri infernali., spettri affamati, animali, esseri umani, semidei e dei. Che vengono generati in virtù della potenza di azioni … Continua a leggere

Scritture buddhiste: Il Kevatta Sutta (o Kevaddha )

. . . Il Kevatta Sutta (o Kevaddha ) è una  scrittura buddhista, si tratta di uno dei testi del Digha Nikaya (la raccolta dei discorsi lunghi) del Canone Pali. . . . . . “Dove l’acqua, la terra, il fuoco ed il vento non riposano su nulla? Dove il lungo e il corto, il grossolano e il sottile, il bello ed il brutto, … Continua a leggere

Bodhicitta: lo sforzo della mente capace di cogliere la vacuità

Significato etimologico della parola Bodhicitta Bodhi: risveglio Citta : mente (*) Il Bodhicitta viene distinto in due aspetti Assoluto: etico, impegno Relativo: aspirazione Secondo le tradizioni l’accento è posto piu’ su uno o sull’altro aspetto, ma entrambi i livelli sono considerati essenziali per quel risveglio della mente-che-aspira-all’illuminazione e che permette quella comprensione intuitiva che penetra e sviluppa la saggezza Prajñā … Continua a leggere

I 12 Principi del Buddhismo

di Christmas Humphreys  Christmas Humphreys (1901-1983) fondò la Buddhist Lodge of the Theosophical Society che nel 1926 divenne Buddhist Society. Il percorso di C. Humphreys avviene interamente all’interno della Theosophical Society (fondata dalla H.P. Blavatsky e da H.S. Olcott), si rende grande divulgatore di D.T. Suzuki e di A.P. Sinnett . I “Dodici principi fondamentali del buddhismo” furono redatti dalla … Continua a leggere

Il nobile Ottuplice Sentiero: Asta Aryamarganga

E’ il sistema lasciato dal Buddha per indicare gli otto punti che costituiscono la Via da lui proposta per raggiungere il Risveglio e liberarsi da duhkha (la sofferenza). Viene rivelata nella 4^ Nobile Verità.  (continua a leggere)  . *** Articoli correlati:il Buddhismo indiano,La mente nel Dharma#7, Pratitya Samutpada, Skandha, Scheda Tecnica n.1, Le 4 Nobili Verità: Cattari Ariya Saccani

Le 4 Nobili Verità: Cattari Ariya Saccani

Enunciate nel Primo Sermone del Buddha dopo il Risveglio nel parco delle Gazzelle a Benares, costituiscono il fondamento della dottrina  e del modo di pensare del Buddha. Sono accettate da tutte le scuole. (continua a leggere) *** Articoli correlati: il Buddhismo indiano,La mente nel Dharma#7, Pratitya Samutpada, Skandha, Scheda Tecnica n.1

Pratitya-Samutpada: La Produzione Condizionata

E’ la dottrina buddhista che spiega come i fenomeni-fisici nascano e si condizionino in mutua-relazione. Si tratta di un’analisi dell’ordine d’interdipendenza dei fenomeni suddivisa in dodici-aspetti, le cui interazioni determinano l’esistenza. Il Buddha comprese queste interazioni nel momento della sua illuminazione. (continua a leggere) *** Articoli correlati: il Buddhismo indiano,La mente nel Dharma#7, le parole del Buddha, Skandha: gli elementi fisici e … Continua a leggere

Skandha: gli elementi fisici e mentali…

Nel buddhismo si parla di cinque Skandha , o aggregati, per indicare gli elementi fisici e mentali che si combinano ad ogni istante per dar vita a tutti i fenomeni dell’universo. I cinque Skandha si combinano l’un l’altro e producono la vita che sperimentiamo. Sono fattori impermanenti e privi di soggettività. (continua a leggere) ***  Articoli correlati: il Buddhismo indiano,La … Continua a leggere