Non esiste il luogo adatto…

20190921_145457

Non esiste il luogo adatto, uno dove stare bene quando i pensieri ti si affollano nella mente, o ti ritrovi con le convinzioni  che per anni ti hanno accompagnato che  vacillano o se dentro di te il respiro è affannoso, agitato, tremante… Allora diventa fondamentale prendersi cura di se stessi. Questi sono i momenti in cui mi metto a praticare … Continua a leggere

inutili pesi ….

Nello spazio psicologico noi accumuliamo e ci sovraccarichiamo di cose inutili, tanto materiali che immateriali e questo diventa il luogo delle nostre sofferenze. Ogni mente adatta questo luogo alle proprie angosce. Bisogna sgomberare. Giustamente dicevano gli antichi maestri, che ciò  che dovrebbe essere sempre  ricercata è la Semplicità, e questo è valido anche oggi come allora. Noi comunichiamo attraverso il … Continua a leggere

La prima nobile verità: c’è sofferenza/dolore

C’è sofferenza/dolore (Duhkha) La vita è esperienza di sofferenza e di frustrazione, gli esseri viventi, TUTTI, cercano continuamente di sfuggirgli senza tuttavia riuscire in questa fuga. Buddha * * * Articoli correlati: corsi,  Le 4 Nobili Verità: Cattari Ariya Saccani

Karma e sofferenza…

io

Alcuni giorni fa stavo pensando a fatti che hanno segnato profondamente la mia vita. Circostanze in cui erano descritte azioni che non facevano parte della mia persona, della mia natura, non erano parte di me….L’assurdità e l’incredibilità di  tutto ciò, a quel tempo mi fece fare il passo del vedere l’agire del karma…. e anche se il cuore e la mente erano … Continua a leggere

La Dea ribatté …

 “Anche la tua liberazione implica tempo?” Śāriputra rimase in silenzio e non rispose. Allora la Dea gli chiese: “Perché il saggio anziano è silenzioso su questo punto?”. Śāriputra rispose: “Colui che ha conquistato la liberazione non la esprime a parole; per cui non so cosa dire”. La Dea disse: “Le parole pronunciate e scritte rivelano la liberazione. Perché? Perché la … Continua a leggere

Il nobile Ottuplice Sentiero: Asta Aryamarganga

E’ il sistema lasciato dal Buddha per indicare gli otto punti che costituiscono la Via da lui proposta per raggiungere il Risveglio e liberarsi da duhkha (la sofferenza). Viene rivelata nella 4^ Nobile Verità.  (continua a leggere)  . *** Articoli correlati:il Buddhismo indiano,La mente nel Dharma#7, Pratitya Samutpada, Skandha, Scheda Tecnica n.1, Le 4 Nobili Verità: Cattari Ariya Saccani

Patanjali – Yoga Sutra, Aforisma 1.17

L’Hatha-Yoga in Ascolto non è una scuola particolare, né un tipo speciale di Yoga:è una disciplina centrata sul respiro, indica semplicemente un metodo e una direzione! Aforisma 1.17 – Vitarka-vicharanandasmitanugamat samprajnatah   Il cammino non è la riflessione superficiale fondata sulle emozioni, ma una  costante osservazione profonda e quieta sul senso di IO nel corpo. Patanjali Yoga Sutra, Primo Libro, Samadhi Pada,  La … Continua a leggere

Relazioni…

  praticando si diventa più sensibili e spesso ci si sente colpiti dal comportamento altrui, che siano familiari, amici, compagni di pratica ecc… e questo porta sofferenza… Come fare? Io faccio così: fondamentale è quando riesco a prendere atto che è il mio ego a reagire, a non sopportare, perchè ciò che “è mente non è toccato dall’ego altrui”, che … Continua a leggere