Che tipo di yoga insegna? Lo yoga che non insegue le mode….

io

E’ questa la domanda che mi rivolgono spesso, ed io rispondo che insegno lo yoga che non insegue le mode. Lo yoga è yoga e basta, non ci sono tanti tipi di yoga, ma piuttosto tante interpretazioni di questa disciplina. Niente sfoggio di abbigliamento yoga, si indossa quel che capita purché sia comodo e ci lasci liberi di muoverci. Non … Continua a leggere

La pratica dell’Hatha Yoga in Ascolto

La pratica dell’Hatha Yoga in ascolto offre un lavoro fisico e interiorizzante che unisce la parte femminile, Shakti (energia manifestata) e la parte maschile, Shiva (la Coscienza Pura originale). Shakti e Shiva sono i due poli della nostra essenza. La tradizione li rappresenta anche geograficamente nel corpo umano: Shakti siede al perineo (Mooladhara Chakra, il Chakra della radice) e Shiva, alla fontanella (Sahasrara Chakra). Nella tradizione … Continua a leggere

Apprendere come iniziare….

    Apprendere come iniziare un nuovo rapporto di conoscenza a livello fisico con il corpo, in modo da capire come situare la tecnica inizia con âsana . Âsana ci riporta immediatamente ad una relazione con il corpo, che diventa campo di esperienza.Non appena ci viene detto  il nome di una postura la nostra mente ci impone l’immagine finale ideale … Continua a leggere

Formazione all’ascolto profondo….

io

Apprendere come iniziare un nuovo rapporto di conoscenza a livello fisico con il corpo, in modo da capire come situare la tecnica inizia con âsana . âsana ci riporta immediatamente ad una relazione con il corpo, che diventa campo di esperienza. Non appena ci viene detto il nome di una postura la nostra mente ci impone l’immagine finale ideale dell’âsana … Continua a leggere

Credo in uno Yoga….

io

  Credo in uno yoga che si adatta alle persone, in un approccio progressivo, accessibile a tutti Che non si piega alle mode, Che va oltre le apparenze, Che non dimentica le proprie origini, Che non si improvvisa in un fai da te… Che attraverso la pratica dell’hatha yoga in ascolto sviluppa l’ascolto profondo e lo studio di sè (Svādhyāya) … Continua a leggere

Perchè avvicinarsi allo yoga e alla meditazione?

Le ragioni sono tante, una tra le altre, è la possibilità di recuperare la relazione con una sapienza…antica e perduta… di cui erano a conoscenza i popoli antichi del mediterraneo… sapienza che ha a che fare con la nostra identità, con l’io, con l’Uno e l’Universale attraverso una atto di conoscenza e di coscienza che superi il dualismo della ragione… … Continua a leggere

Perché praticare?#4

Il problema di fondo è l’illusione (kléshâh in sanscrito) che significa torcere,essere deformati. Quando guardiamo il mondo attraverso la mente vediamo la realtà ma in qualche modo è distorta e le rispondiamo in modo contorto. Che tipo di comprensione squarcia il velo dell’illusione? Come questa comprensione può diventare una comprensione vera? Come esistiamo? Buddha La quarta nobile verità: Margasatya la … Continua a leggere

Perché praticare?#3

È possibile liberarsi dalle fonti di sofferenza, o sono parte integrante dell’essere umano? È possibile liberarsene, senza rimuoverle, senza prendersi una vacanza, una tregua, sradicandole totalmente? trovare la possibilità di uscita da questo flusso continuo del Divenire, sentito intimamente come doloroso e insoddisfacente, e questa uscita, questo affrancamento corrisponde nel buddhismo alla terza Nobile Verità ( la Cessazione). Buddha La … Continua a leggere

Perché praticare?#2

se mi produco una ferita è ovvio che provo sofferenza,dolore, ma se sto bene, se sono in vacanza in un luogo splendido, ho la pancia piena e sono infelice, perché deve sorgere l’infelicità? Cosa sta succedendo? Cosa causa la sofferenza dei conflitti interni, esterni? Perchè semplicemente non è possibile andare d’accordo? Buddha La seconda nobile verità– Duhkha Samudayasatya la verità … Continua a leggere