Sul filo dell’esperienza: una motivazione, una mente, un corpo

Sul filo dell’esperienza.  Ascolto profondo, mantenendo lo Yoga nell’ambito della ricerca interiore   Una proposta di Loredana Sansavini e Paola Laghi. Informazioni: yogazen4@gmail.com Articoli correlati: Lezioni di Yoga e Meditazione come “Via-Esperienziale”

Scheda tecnica n.19.1

 Yoga e gravidanza I problemi di costipazione Molte āsana che tradizionalmente sono consigliate in caso di costipazione, per le donne in gravidanza sono o sconsigliate o devono essere riadattate (in generale, queste āsana pongono il ventre in pressione). Ecco una serie di āsana riadattate (continua a leggere)  NON praticate queste āsana senza l’autorizzazione del vostro medico curante. *** Articoli correlati: Parto ritorno all’antico

Yoga, stress, respirazione…

. . Alcune persone faticano a respirare nelle posizioni di chiusura ad esempio in : apanasana, o in Paschimottananasana (la pinza), per altri il disagio respiratorio si evidenzia nelle posizioni d’estensione, come l’arco o l’allungamento sul ventre. Ogni posizione richiede una respirazione che gli è propria. Lo  yoga permette di prendere coscienza della respirazione in posizioni molto diverse le une delle … Continua a leggere

Yoga e Ayurveda…

 Breve introduzione Lo Yoga e l’Ayurveda sono due scienze sacre o spirituali strettamente collegate fra di loro e fondate sulla tradizione vedica dell’india. L’Ayurveda è la scienza vedica della guarigione del corpo e della mente. Lo Yoga è la scienza vedica dell’autorealizzazione che dipende dal buon funzionamento del corpo e della mente. Le due discipline si sono sviluppate contemporaneamente e sono … Continua a leggere

Iniziare un corso Yoga…

 … come scegliere un corso e il Maestro… T.K.V. Desikachar un grande insegnante dello Yoga contemporaneo, risponde in questo modo alla domanda:  “Perché si dovrebbe praticare  yoga? „ “Sarei stupito di trovare una sola persona che non vuole realmente migliorarsi: “sono povero, vorrei diventare ricco„ “sono nella confusione, vorrei uscirne„ “voglio fare, vorrei diventare medico„ ecc… Tutti questi desideri rivelano … Continua a leggere

Equilibrio fra la forza e…

   gli allungamenti nella pratica dello yoga  L’elasticità di alcune parti del corpo possono essere fonte allo stesso tempo di forza e debolezza… Innanzitutto, perché gli allungamenti? Nella pratica dello yoga, gli allungamenti contribuiscono al rilassamento ed alla circolazione dell’energia vitale.La libertà di movimento può essere una conseguenza piuttosto piacevole della pratica regolare dello yoga… ma ricordate che non ne … Continua a leggere

Che cos’è un’āsana?

[…] La parola āsana significa posizione e deriva dalla radice sanscrita ās “ restare, essere, sedere, stare in una particolare posizione”. Nello Yoga Sutra Patanjali descrive l’āsana come una combinazione di due importanti qualità: sukha e sthira. Sukha significa la capacità di rimanere in una posizione comodamente. Sthira significa fermezza e vigilanza. Queste qualità dovrebbero coesistere in una posizione…. Padroneggiare sthira, cioè fermezza e … Continua a leggere

Yoga e Meditazione… fai-da-te…

non fate dello Yoga e della Meditazione un minestrone! quando ci prepariamo a frequentare un corso di Yoga e Meditazione è importante avere la massima apertura possibile rimettendo in discussione idee o cognizioni precedenti, andando a vedere e toccando con mano i nuovi punti di vista proposti, a quel punto, una volta constatato di persona, con la pratica e non … Continua a leggere

Scheda Tecnica 16.2

Non praticate tutte queste  āsana tutte assieme sceglietene una a secondo dell’intensità del dolore che sentite. Cercate di eseguirle mantenendole a lungo. Al termine distendetevi in Shavasana, adagiando la testa su di un piccolo spessore morbido. Respirate profondamente con la respirazione addominale (continua a leggere) *** Articoli correlati:Scheda Tecnica correlata 16.1

Qual’è realmente la nostra capacità…

di lasciarci ancora sorprendere…stupire? La vita è fatta di accelerazioni, d’agitazione, ma anche di rallentamenti. La consapevolezza di questo fa di noi gli osservatori dell’insieme dei fenomeni che costituiscono la vita. L’inizio di un nuovo giorno o di un’attività qualunque, di ogni cosa ha tutta la sua importanza in quanto condizionerà il seguito con la sua energia positiva/negativa/neutrale… ma il nostro … Continua a leggere