Un vecchio campo incolto…

ioDurante una passeggiata riflettevo sullo stato dello discipline dello Yoga e della Meditazione oggi e questa riflessione vorrei condividerla con voi.

Da quando incontrai questa pratica sono trascorsi oltre trent’anni, e mi chiedo cosa sia successo in  questo arco di tempo, come si sono inserite nel contesto occidentale, cosa ne è rimasto dei Principi di cui sono portatrici .

La risposta è desolante… basta guardare il genere di pubblicità che si trova in rete. Il sistema le ha  macinate, masticate….modificate a suo uso e consumo.

Il messaggio che è passato, per la maggioranza delle persone, è: benessere,  sono accettate e riconosciute per contrastare ogni tipo di dolore fisico e psicologico, per calmare la mente, creare pace, armonia, amore ecc…

ma  che c’entra tutto questo con lo Yoga e la Meditazione?

Che ne è stata dell’intuizione “il sé che è me” (cit. Maestro Franco Bertossa) esperienza, Principio e  oggetto di indagine di queste discipline?

Mah?!

Scriveva il Maestro Sri Tirumalai Krishnamacharya:

[…] “In generale, c’è una tendenza crescente, in tutti i livelli della società, a valutare le cose in base ai concetti di guadagno e perdita che si adottano negli affari. Questo atteggiamento si rivela un grosso ostacolo al progresso nella vita spirituale più elevata….E’ deplorevole che la mentalità mercantile, secondo cui tutto si acquista, influenzi anche gli ambiti spirituali e il perseguimento degli ideali più alti.. […]

Profetico…

Pratiche  che potrebbero illuminare e non da un punto di vista psicologico: “la notte oscura dell’anima” sono disperse in un vecchio campo incolto dove cresce di tutto…

Mi assale un momento di dolore nel cuore, alzo lo sguardo e vedo i muri degli antichi portici di Bologna intrisi di una lunga storia.

Ne ascolto la bellezza.

Sento la profonda verità contenuta nella frase del Maestro  Kodo Sawaki Roshi:

“Che strana creatura l’essere umano: brancola nel buio con espressione intelligente!”

Grazie Maestri. Gassho!

Chino il capo e proseguo il mio cammino.

Portico Via Farini angolo Piazza Cavour

Un vecchio campo incolto…ultima modifica: 2020-12-14T16:21:06+01:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Un vecchio campo incolto…

  1. ciao… per fortuna non è così… ci sono sempre più persone che si avvicinano alla meditazione ed alla spiritualità… spesso per qualche motivo vediamo ciò che vogliamo ,e rimaniamo attaccati al passato…. tutto cambia… anche noi cambiamo , e raccogliamo ciò che ci meritiamo ,
    la nostra società ha bisogno di amore come da sempre… e con un pizzico d’amore,anche solo in un pensiero … al giorno….
    si costruiscono ponti….

    • Ciao Giuseppe, rispetto il tuo pensiero, ma non mi trovo d’accordo.
      Non mi pare di vedere molta consapevolezza nel mondo dello Yoga.
      Sì, c’è bisogno di amore.
      Ma di quale amore stiamo parlando?
      peace and love?
      abbracciamo gli alberi?
      lo yoga della risata?
      ecc…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *