Essere come non-fare

Buddha___The_enlightened_one_by_chiragkaku.jpg […] Lo sforzo di respirare più profondamente rende cosciente del fatto che si trattiene il proprio respiro. Si sente che respirare più profondamente attiva sensazioni che abbiamo sepolto nell’inconscio tramite la rimozione, e si comprende che il trattenere il respiro è un modo efficace di ridurre le sensazioni. Questo è necessario quando le sensazioni sono troppo dolorose o troppo minacciose. Fin quando avrà paura di queste sensazioni, la persona non si lascerà respirare naturalmente, cioè con facilità, profondità e, in modo cosciente o inconscio, controllerà la sua respirazione […] continua a leggere

Essere come non-fare, tratto da : Paura di vivere, Alexander Lowen,

Ed.Astrolabio,1982, pagg.82-90

***

Immagine via: catfran

Essere come non-fareultima modifica: 2011-01-28T08:30:00+00:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*