Meditazione all’alba con Prāṇa Mudrā

fase 2 prana mudra

Sistematevi nella posizione seduta avendo cura di utilizzare tutti i supporti che vi sono necessari per avere una posizione comoda e stabile (vedi scheda tecnica n.1 e 26) La pratica di Prāṇa  Mudrā chiudete gli occhi, utilizzate sempre la respirazione addominale ed iniziate il percorso di Prāṇa Mudrā (vedi scheda tecnica Yoga e Stagioni/primavera#3), al termine adagiate le mani in … Continua a leggere

La pratica dello Yoga con gli occhi chiusi: perchè questo approccio?

Immagine

  Per fare l’esperienza a cui lo Yoga ci vuole portare deve essere coinvolta tutta la persona e per fare questo è necessario che la nostra attenzione sia orientata verso il nostro ambito interiore con  un atteggiamento di ascolto-profondo. Perchè questo avvenga si deve cominciare dal corpo. Si comincia con l’ascoltare il corpo, con il sentire il corpo: questo è il … Continua a leggere

La stagione primaverile…

slide primavera

attraverso l’Ayurveda, lo Yoga e la Meditazione all’inizio della stagione primaverile l’inverno comincia a trasformarsi grazie alla forza vitale, assistiamo a piccoli segni di vita come il riaffiorare dell’erba nuova e la fioritura di molte piante. Anche nel nostro organismo questo cambiamento, ed in particolare il passaggio dall’inverno alla primavera, porta molto scompenso. (slide primavera.)

Chāndogya Upaniṣad

bb

per cercare di essere sempre più fedeli a se stessi [Il Maestro dice:] « Orbene, nel [corpo] che è la città del Brahman, c’è un piccolo fiore di ninfea (loto), una casa (ossia il cuore); dentro c’è un piccolo spazio vuoto (Ākāśa). Ciò che in esso si trova, questo bisogna cercare, questo in verità bisogna cercare di conoscere ». Se gli obiettano: … Continua a leggere

Terzo incontro Yoga, Zen e sapori d’Asia

yoga_zen_2015

Perché pratichiamo lo Yoga e lo Za-Zen (la meditazione Zen)? lo Yoga e lo Za-Zen riguardano uno stato. non riguardano una forma. Non lo si può riflettere o pensarlo, ma soltanto viverlo, sperimentarlo… Ogni individuo fa un’esperienza diversa, a partire da sé stesso. Non sono una cosa che è possibile prendere, ma come diceva Gerard Blitz (Maestro Yoga e Monaco … Continua a leggere

Il deserto interiore…

Citazione

la luna

Qual è mai questo luogo d’elezione in cui amore e conoscenza si uniscono, dove il distacco sboccia nell’esperienza, e che permette di varcare la porta d’oro che fa accedere al “giardino del misteri”?  Questo luogo ha un nome: si chiama deserto.

Deserto!  Parola affascinante per coloro in cui è vivo il gusto dell’alleanza, della montagna delle rivelazioni, della parola accolta nel cuore, degli sponsali di cui è avido l’amore. Poco importa il passaggio attraverso la “terra arida e tenebrosa, terra di steppe e di frane” (Ger 2,6), le tentazioni che si dovranno vincere, la solitudine e l’abbandono. Verrà un giorno in cui “scorreranno torrenti nella steppa, la terra bruciata diventerà una palude, il suolo riarso si muterà in sorgenti d’acqua. (Is 35,6-7). La terra infuocata, il deserto interiorizzato, arde dal desiderio di accedere il licignolo delle “lampade viventi” che, lasciando strasparire la luce, potranno illuminare i loro fratelli: gli uomini, gli animali, le piante, le pietre. Il viaggio interiore, che dà accesso al deserto interno, non può essere descritto; si può solo alludere a un percorso, tentare di decifrare un insegnamento. Il deserto non sarebbe più deserto se si svelasse il suo mistero.

da “Il deserto interiore” , Marie Madeleine Davy