Il sentire occidentale e la “cura”…

 il significato delle sensazioni... in_arte_buddha_482.jpg

 Tathagata Amithaba (Shinjo Ito 1906-1989)

 La nostra tradizione religiosa è in difficoltà poiché non dà  risposta ai nostri “perché?” e “perché no?”; non potendo essa ammettere che non c’è risposta, non è più credibile ai nostri occhi.

La fede non si ripristina, i “perché” l’hanno minata e ci hanno  lasciati soli. L’estremo perché, “perché c’è qualcosa invece di  niente, Dio incluso?”, taglia le radici ad ogni possibile Dio e ad  ogni possibile valore assoluto.

A questo punto solo il buddismo può salvarci dalla nostra condizione, perché nessuno mai, né prima né dopo, ha affrontato così radicalmente il  niente; nessuno si è mai permesso di guardare così a fondo il niente come il Buddha, ma in Occidente non è ancora  stato compreso che ciò che egli ha insegnato è esattamente il rapporto con la nostra esistenza alla luce del niente. Il buddismo  può, e non vedo alternative, attecchire in chi vuole riuscire nella  non facile operazione di pensare adeguatamente la propria condizione e storia di occidentale; in chi ha subito e accolto i “perché?” dell’Occidente e ne coglie gli effetti nella scomparsa  dei valori e nella relativizzazione totale. Divenuto insostenibile un senso ultimo e assoluto, nella cultura d'oggi il senso si riduce solo alle sensazioni che la vita può dare, che diventano obiettivo  della vita. […]

Ma che fare quando le sensazioni sono negative e non c’è scampo?

Se il nostro orientamento è solo di perseguire le buone sensazioni,  come ci comporteremo quando si presenteranno gravi malattie, lutti, improvvise mancanze?

Dalla mancanza di senso l’Occidentale è cascato in braccio alle sensazioni e all’edonismo che attenuano, mitigano l’angoscia e lo smarrimento, ma le sensazioni non sono garantite né durature. Ciò  che il buddismo può insegnarci è un passo ulteriore, che consiste  nel chiedersi del significato delle sensazioni. […]

(articolo autorizzato alla pubblicazione dal Maestro per divulgazione gratuita)

Tratto da:  La fine della tradizione Occidentale e la nascita del Buddismo Europeo, di Franco Bertossa,Ed. Asia,  2003 pag.18-19

 

Il sentire occidentale e la “cura”…ultima modifica: 2009-09-22T06:18:00+00:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*