Cosa fa accendere la voglia di …

  scavare in profondità?Immagine 007.jpg

Le asana non si fermano alla superficialità della forma ma invitano a scavare più a fondo lungo un percorso di coinvolgimento della mente, del corpo, del cuore e del respiro attraverso la disciplina dall’āsana-stessa… Può essere successo a molti che durante l’esecuzione delle āsana la mente inizi a vagare in percorsi che poco o niente hanno anche fare con quel che stiamo facendo seguendo criteri a noi ignoti e apparentemente non coerenti: associazioni di vario genere, suggestioni …. è così accade che improvvisamente ci si trova a pensare a questioni personali, a problemi che sembrano non essere in alcuna relazione tra loro e soprattutto con delle posture fisiche.

Solitamente si attribuisce questo vagare della mente a disattenzione, difficilmente si prende in considerazione il ruolo che riveste la consapevolezza nelle āsana, che non equivale a stare attenti muovendo parti del corpo, ma entrando in azione la consapevolezza comincia ad essere coinvolta profondamente l’intera persona che noi siamo, con tutto il nostro vissuto…Se ci si avvicina alle āsana con l’atteggiamento mentale della ginnastica la mente entrerà in confusione, si avrà qualche temporaneo beneficio…ma non definitivo… perchè l’obbiettivo per cui sono state ideate non è mantenere il corpo flessibile, ma creare le condizioni nella mente, nel corpo, nel cuore e nel respiro di silenzio e NON per una pace interiore, ma per una realtà più profonda della pace e del silenzio…A questo punto per molte persone praticare le āsana non è più interessante, mentre per altri si innesca la voglia di andare in profondità…

Cosa fa accendere la voglia di scavare in profondità?

Insegnando è una domanda che mi pongo continuamente, a tutt’oggi non ho trovato risposta..se avete contributi vi ringrazio infinitamente…

***

Articolo correlato: la spazialità non ovvia delle asana

Immagine fonte: l.s.

Cosa fa accendere la voglia di …ultima modifica: 2011-04-12T09:30:00+02:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *