Prânâyâmah: la pratica del respiro naturale…

Yoga Sutra, Patanjali, Secondo libro

 Sàdhana Pâda – Il libro della Strategia: La quarta sezione

Patanjali nel definire âsana  non parla di particolari posizioni da assumere ma entra nel merito dell’essenza della posizione-stessa e dice che deve essere stabile pervasa da un sentimento di non-sforzo, analogamente quando prende in esame il Prânâyâmah non enumera i vari esercizi che possono portare a controllare l’espansione o la qualità della respirazione, ma pone l’attenzione sulla distinzione di una respirazione Shvâsa/Prashvâsa: una respirazione irregolare ed una leggermente affannata e la respirazione Yogica:  fluida, semplice e profonda.

Qui l’aspetto importante diviene l’ascolto del flusso del respiro.

Il corpo è lento e la respirazione naturale è lenta, ma la mente è sempre in movimento e quando si pone su di un oggetto cambia: si agita o si blocca, ma se ci concentriamo sull’ascolto del respiro essa rallenta e diviene profonda quasi impercettibile: è in comunione con il corpo-sottile.

Dagli aforismi 2.49 al 2.51 del secondo libro, Patanjali presenta il Prânâyâmah.

2.49 – Tasmin sati shvâsa-prashvâsayor gati-vicchédahprânâyâmah

Avendo compiuto il cammino di Asana, in questo stato si inserisce il metodo del respiro naturale, interrompendo la respirazione irregolare

 

2.50 – Bâhya-àbhyantara-stambha-vrittir déshakâla-samkhyàbhih pari-drishto dïrghasûkshmah

Diviene naturale il respiro portando l’attenzione sull’espiro e l’inspiro durante il passaggio interno nella sospensione, nell’allungarlo, nel regolarizzarlo

 

 

2.51 – Bâhya-âbhyantara-vishaya-àkshépï caturhah

Trascendere il campo d’azione dell’inspiro, l’espiro e  la sospensione costituisce il quarto-respiro

***

Articoli correlati: SàdhanaPâda (video), Asthanga Yoga – breve introduzione, Patanjali…Raja-Yoga, I cinque klesha o afflizioni, la disciplina del respiro e buon senso, il respiro la risonanza profonda che anima lo Yogi

Prânâyâmah: la pratica del respiro naturale…ultima modifica: 2013-04-25T07:50:00+02:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *