Essere coinvolti nel mistero del proprio movimento in asana…

DSCN6602

I movimenti in asana possono essere di varie dimensioni, ma che siano grandi, piccoli o quasi impercettibili, tutti hanno origine nel bacino. Il movimento del bacino trova la sua radice nel respiro. E il respiro nasce da una pausa, che si crea al termine di ogni respiro. Per immergersi nel mistero del proprio movimento in asana, è essenziale attendere l’emergere … Continua a leggere

Dhammapada – Parole del Dharma

tara verde

Dhammapada (pāli, in sanscrito Dharmapada), è un testo del Canone Buddhista, III secolo a.C, è uno dei testi più importanti del Buddhismo, è una raccolta di versi contenenti gli insegnamenti essenziali del Buddha. Composto da 423 strofe, il testo affronta vari temi fondamentali per la pratica buddhista, fornendo istruzioni sulla via verso l’illuminazione e la saggezza interiore. Il Dhammapada insegna … Continua a leggere

Nuove visioni e vecchi schemi

DSCN64381

all’interno di un vecchio schema: mi sento sempre “meglio” dopo una pratica. . : nuove visioni all’interno di vecchi schemi: potrei non sentirmi “meglio” dopo una pratica. La pratica prepara il terreno della mente per la ricerca interiore che non c’entra nulla con il benessere psicofisico. Meglio/peggio, ma cosa significa ciò che sento?

Di cosa si ha bisogno nella pratica dello Yoga?

DSCN6602

Nella pratica dello yoga si ha bisogno di un tappetino e di una mappa interiore, dei due la domanda più importante è quale mappa interiore stai usando? piuttosto che quale tappetino devo usare?

La respirazione involontaria  che sa accadere da sè

Immagine

Nella posizione seduta di meditazione raccoglietevi nel respiro e lasciate che l’aria entra ed esca lungo il canale del respiro, solo  osservate e aspettate  che il respiro progressivamente diventi  calmo e leggero. Mano a mano  che  tutto diventa più semplice e silenzioso  avrete creato le condizioni  per l’affiorare delle pause al termine dell’espiro  a polmoni vuoti,  al termine all’inspiro a … Continua a leggere

Praticare Asana ad occhi chiusi: perchè?

Immagine

Gli occhi sono una delle porte più importanti degli organi di senso. I sensi stimolano costantemente la mente distraendola e direzionandola sempre in avanti verso l’esterno. La pratica di asana con gli occhi chiusi induce a  Pratyâhârah . Pratyâhârah è il quinto ” anga” dell Asthanga-Yoga  di Patanjali . Con le palpebre chiuse si sospende il sentire quotidiano, che non … Continua a leggere

Yoga: il sentire che NON è quello del quotidiano

8_bIHXNlJkPodnn4r8NuYIGiS4o1_400

Cosa ti aspetta effettivamente nella pratica dello Yoga? E’ yoga quando si studia sé stessi attraverso le âsana (le posizioni dello yoga).   Dice Patañjali negli Yogasūtra che âsana è Svàdhyâyâd: lo studio di sé. Sâdhana Pàda, II 44. Svàdhyâyâd isthadévatâ-samprayogah Solo lo stato di ascolto permette di abbandonarsi alla sottile dimensione profonda   Allora continua a leggere.   Durante … Continua a leggere

Domande

Punto interrogativo

Quali le relazioni, le somiglianze e le differenze fra la “mindfulness” e il buddismo, lo zen e lo yoga? Mindfulness è un’antica pratica del buddhismo Vipassanā, ripensata nella sua parte meno profonda e  in modo terapeutico dal medico statunitense Jon Kabat-Zinn . (Potrebbe interessare questo articolo . Lo Yoga è una pratica induista e lo Zen è una Via del  Buddhismo … Continua a leggere

Il Principio pranico #2: risvegliato – riconosciuto

AXo1_400

Ciao in questo articolo ti mostrerò come capire e come restare in relazione con la Forza intelligente del Prànâ Inizia con il  porti DUE  domande fondamentali: Come riconoscerne il movimento? Qual è il modo giusto modo PER ME per rinnovare e restare in relazione con il movimento pranico?   DETTO IN ALTRO MODO Alcune tipologie di movimento-pranico sono valide per … Continua a leggere