Cibo: l’attenzione al cibo vuol dire cura di sé stessi

scansione0001l’attenzione ai Rasas per il corpo, gli stati emotivi e la spiritualità

Breve introduzione

Le discipline di ricerca interiore hanno un po’ tutte prestato grande attenzione alla nutrizione, essendo questa una delle funzioni fondamentali, primarie degli esseri viventi, che comincia prima della nostra nascita e prima dell’inizio della respirazione: tanto basilare da essere manifestazione di una struttura di legame con la Terra e la Vita, in questo contesto la cura e l’attenzione nell’alimentazione significa anche prendere in considerazione che il cibo che introduciamo nel corpo è sia stimolo energetico alle funzioni fisiologiche dell’organismo, sia cura per la propria interiorità.

Per l’Āyurveda il cibo è Rasas che significa:

  • sapore o essenza così come è sperimentato sulla lingua.

La cucina ayurvedica è dunque un’arte e una ricerca spirituale allo stesso tempo, la cottura è l’alchimia e il cibo in questo contesto oltre che ad avere la funzione di nutrirci e mantenerci in buona salute, diventa molto di più, diventa occasione per riflettere sulla natura stessa del cibo e sulla nostra stessa natura. Si tratta di una cucina semplice, saporita e aromatica dove è posta particolare attenzione all’abbinamento dei cibi con erbe aromatiche e spezie (considerate anche come sostanze medicinali), in relazione ai 5 elementi e alla costituzione dei singoli individui riconosciuta secondo il criterio della teoria del Tri-Dosha (Vâta, Pitta, Kapha) corrispondenti ai 3 Guṇa (Sattva, Rajas, Tamas) del sistema della scuola di pensiero indiana Sāṃkhyā.

Ma ancora, cosa è successo esattamente secondo la filosofia Ayurvedica e Yoga?

L’Āyurveda, che è l’approccio tradizionale alla salute del corpo e dello spirito dell’India, si fonda sulle stessi basi della filosofia energetica dello Yoga. In questa tradizione viene data grande attenzione alle combinazioni alimentari e al ruolo che cibo riveste per la salute e lo sviluppo spirituale della persona. I Rasas sono la connessione totale e profonda con Prāṇa: ciò che va ovunque. Per spiegare questo legame tra Prāṇa: e Rasas, ecco un esempio concreto che dimostra l’importanza di ciò che accade quando il cibo tocca la lingua.

Pensate ad una giornata in cui siete particolarmente affaticati fisicamente e mentalmente, siete stanchi ed affamati che vi sembra impossibile fare una cosa ulteriore. Immaginate che qualcuno vi offra della frutta secca, noci e acqua. Nel momento stesso in cui questi cibi toccano la lingua e si mescolano i sapori in bocca, avvertirete l’afflusso di una nuova energia. Avete solo messo in bocca del cibo ancora non avete digerito nulla o assorbito sostanze nutritive sul piano fisico eppure qualcosa è successo in termini di energia. Si dice che i sapori agiscono direttamente sul Prāṇa: e il sistema nervoso. In bocca, il cibo Prāṇa: viene raccolto e distribuito, viene risvegliato Agni (il potere digestivo che si trova nel corpo sotto forma liquida: enzimi, succhi gastrici, il fuoco digestivo) stimolando la secrezione dei succhi gastrici appropriati secondo i sapori percepiti. Ecco perché questo passaggio non deve essere trascurato, masticare aiuta a raccogliere ed estrarre il cibo-Prāṇa: facilitando la digestione.

Quando sperimentiamo i Rasas?

I Rasas sono la combinazione di due degli elementi grossolani ( acqua, terra ,aria, fuoco etere) con l’azione-nutrizionale (azione karmica del cibo) principi che si influenzano a vicenda. L’Āyurveda sa che l’azione e l’interazione con il corpo di qualsiasi sostanza sia medicinale che di nutrimento comincia nella lingua. Quando mettiamo in bocca un cibo, ne sentiamo il sapore o l’essenza e ne avvertiamo subito gli effetti nel corpo in quel preciso momento facciamo esperienza diretta dei Rasas.

Sono individuati vari Rasas e sono suddivisi in:

L’essenza di tutti gli esseri è la Terra.

L’essenza della Terra è acqua.

L’essenza di acqua è piante.

L’essenza delle piante è l’essere umano.

Chandogya Upanisad I.1.2

***

Articoli correlati: Upanisad

Cibo: l’attenzione al cibo vuol dire cura di sé stessiultima modifica: 2014-08-11T07:04:01+02:00da loresansav1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *