Yoga e l’arrivo della primavera#4

Immagine

Secondo la filosofia dell’Ayurveda Continuo la serie di articoli sullo lo Yoga in primavera (vedi schede n.1, 2 e 3). Ecco una sequenza yoga da praticare a casa. L’ Hatha Yoga classico riprende molti elementi della tradizione medica classica indiana: l’Ayurveda. Questa sequenza permette di calmare il Dosha Kapha (caratteristica della primavera) e contemporaneamente energizza il corpo con dolcezza. (continua a leggere: Scheda Tecnica … Continua a leggere

Lo stato di Samyama o l’equilibrio non inventato…

 Patanjali, Yoga Sutra, Vibhûti Pâda,3 libro III 3. Tad-éva-artha-màtra-nirbhàsam svarùpash ûnyam iva samâdhih. Quando la mente ha esperienza dell’Assoluto si ha il Samâdhih  . III.4. Trayam ékatra samyamah. Quando Dhâranâsu, Dhyânam e Samâdhih sono applicati insieme formano Samyama o l’equilibrio che si consegue quando si è in relazione diretta con ciò che apprende senza l’intervento del pensiero: istante diretto non limitato … Continua a leggere

Il sesto Cakra: Anāhata

Terminologia: Tantrica: anahata, anahata-puri, padma-sundara, dwadasha, dwadashadala, suryasangkhyadala, hrit padma, hritpatra, hritpankeruha, hritsaroruha, hridambhoja, hridambuja, hridabja, hridaya, h’idayambhoja, hridayambuja, hridayasarasija, hridayabja, hridaya kamala, hritpankaja Vedica: anahata, hridaya cakra, dwadashara cakra, Puranica: anahata Significato: Anahata = cuore, suono ininterrotto, non battuto, suono incausato è chiamato:il Cakra del cuore, il Centro del cuore, il Centro che trascende le energie delle Nadi Tradizione: … Continua a leggere

Il secondo Cakra: Swādhisthāna

      Terminologia Tantrica: swadhishthana, adhishthana, bhima, shatpatra, skaddala padma, wari-chakra Vedica: swadhishthana, medhra Puranica: swadhishthana Significato Swa= forza vitale, anima Adhisthana= sede, dimora “la sua dimora” deriva dal sanscrito: swa, che significa forza vitale, è anche chiamato: Cakra Sacrale, il Centro della Croce, la nostra dimora Tradizione: è presente solo nella tradizione induista Petali: 6 Sillabe Sui petali: Matrikas: Bam, Bham, … Continua a leggere

Niyamah – i 5 atteggiamenti etici verso sé-stessi

La seconda sezione dell’Asthanga-Yoga riguarda il rapporto con noi stessi. Con Niyama si cerca di creare la relazione con noi stessi e le condizioni preliminari di ordine verso se stessi.(continua a leggere) *** N.B.: Questa interpretazione è personale e NON vuole essere né una traduzione né un commento, in quanto non sono una specialista in sanscrito, si tratta di una tappa lungo … Continua a leggere

Dimenticanza… #1

452388344

… Per una strana e inesplicabile confusione, siamo incapaci di mantenere il contatto con il nostro Sé e, pertanto, lo dimentichiamo fino a considerarlo inesistente, mentre attribuiamo alle funzioni mentali tutte le sue qualità. Questa confusione è alla radice di tutti i nostri processi psicologici.  In tutte le operazioni mentali c’è questa confusione che si che il posto del Principio … Continua a leggere

Il percorso dello Yoga…

io

  Lo Yoga è quello stato in cui le voci /vritti della mente sono silenziate e resta una capacità silenziosa che osserva, nella tradizione yoga questo viene chiamato il Testimone, l’Atman. Per arrivare a questo stato servono delle pratiche, delle discipline per far si  che emerga una lucida calma. Da questa base di assorbimento profondo si può accedere alla meditazione … Continua a leggere

Praticare Hatha-Yoga in ascolto

1146373506

Praticare Yoga, con posizioni semplici in relazione al respiro…scoprire una serie di sensazioni di solito ignorate… lasciando poco a poco le tensioni sciogliersi… ritrovandosi… scoprire il nostro gesto corretto…essere nella consapevolezza incamminandosi verso il più semplice … è allora possibile fermarsi… senza sforzo … senza tensioni… entrando in āsana per inoltrarsi nel cammino del ritorno alla fonte della coscienza *** Articoli correlati: … Continua a leggere

Il potente metodo… | Buddhismo tibetano

615882691

[…] Per presentare il potente-metodo che consente di accedere alla realtà sappi che essa è proprio la tua consapevolezza in questo preciso momento. Poiché la tua consapevolezza è proprio questa chiarezza naturale e non artificiosa.. perché dici: “qualsiasi cosa io faccia, non ha successo?” Poiché è sufficiente rimanere spontanei. perché dici : “non riesco a star quieto?” Poiché basta davvero … Continua a leggere